BONUS GIUGNO NOVITA'

Purtroppo la crisi generata dalla pandemia causata dal Covid-19 si è fatta sentire danneggiando gli operatori economici, il governo Italiano sta correndo ai ripari proponendo una serie di aiuti alle imprese e alle famiglie. L’ultimo intervento si è avuto con il recentissimo Decreto Legge 34 del 19 Maggio 2020 (Decreto Rilancio).

L’art. 25 ha previsto un contributo a fondo perduto per una vasta platea di beneficiari.

CHI SONO I BENEFICIARI DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO DECRETO RILANCIO?

Il contributo può essere richiesto dai titolari di Partita Iva che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo e che sono titolari di reddito agrario. I beneficiari dovranno però essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Non aver conseguito, nell’anno 2019, ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro.
  • Ammontare del fatturato di aprile 2020 inferiore a 2/3 del fatturato di aprile 2019; oppure inizio dell’attività a partire dal primo gennaio 2019; oppure possedere il domicilio fiscale o la sede operativa in un comune colpito da eventi calamitosi con stato di emergenza già in atto al 31 gennaio 2020.

A CHI NON SPETTA IL CONTRIBUTO?

  • soggetti la cui attività sia cessata alla data di richiesta del contributo
  • soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 30 aprile 2020, con l’eccezione delle partite Iva aperte dagli eredi per la prosecuzione dell’attività dei deceduti
  • enti pubblici di cui all’art. 74 del Tuir
  • intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del Tuir professionisti e lavoratori dipendenti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria (cosiddette casse previdenziali)
  • soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità previste dagli articoli 27 (bonus professionisti) e 38 (bonus lavoratori dello spettacolo) del decreto legge n.18 del 17 marzo 2020 (cosiddetto decreto “Cura Italia”).

A QUANTO AMMONTA IL CONTRIBUTO?

  1. 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro
  2. 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 400.000 euro ma non l’importo di 1.000.000 di euro
  3. 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano 1.000.000 di euro ma non l’importo di 5.000.000 euro.

Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

COME PRESENTARE LA DOMANDA?

La domanda può essere presentata solo attraverso la procedura all’interno dei canali telematici dell’ AGENZIA DELLE ENTRATE E Tramite Intermediario Abilitato.


Il nostro Studio di Commercialisti resta a disposizione di coloro che intendono presentare tale domanda tramite noi o per fornire ulteriori informazioni.

PUOI RICHIEDERE DI ESSERE CONTATTATO ANCHE COMPILANDO IL MODULO QUI SOTTO

Accetto il trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

Tags

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commercialisti esperti di banche
Scade il 30 settembre 2020 il termine ultimo per presentare la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta pubblicità. Nel corso […]
Credito d'imposta spese di sanificazione
Pubblicate le nuove percentuali del credito d’imposta Come era immaginabile le spese di sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione […]
NUOVO RINVIO BONUS MONOPATTINO
Nuovo rinvio Bonus bici e monopattino: i rimborsi saranno previsti per la prima settimana di novembre 2020 Un nuovo rallentamento […]
Open chat
Hai bisogno di aiuto immediato?
Salve,
se ha bisogno di aiuto immediato ci contatti pure.