Manuale Operativo sul Controllo di Gestione in SAP:
a cura del dott. Lorenzo Colicchio

Indice

Introduzionepag. 1
1. Creazione delle voci di costo primarie e secondariepag. 3
1.1 Creazione di una voce di costo primariapag. 4
1.2 Creazione di una voce di costo secondariapag. 12
2. Creazione dei centri di costopag. 19
2.1 Creazione del centro di costo con la transazione OKEONpag. 19
2.2 Creazione del centro di costo con la transazione KS01pag. 23
2.3 Differenze tra le transazioni OKEON e KS01pag. 29
3. Rilevazione fattura fornitori con successiva ripartizione del
costo sostenuto in altri centri di costo
pag. 30
4. Focus sulla modalità di pagamento automaticopag. 43
5. Creazione del tipo di attivitàpag. 60
6. Pianificazione dell’Attività di supporto Controllingpag. 62
7. Contabilizzazione stipendi per addetto e ribaltamento
nei centri di costo
pag. 68
Conclusionipag. 82
Ringraziamentipag. 83
Fonti e siti consultatipag. 84

SCARICA IL FILE COMPLETO GRATUITAMENTE


INTRODUZIONE

Il presente manuale operativo ha l’obiettivo di illustrare le dinamiche operative più importanti che riguardano il controllo di gestione all’interno del gestionale SAP e con esse anche la descrizione del legame tra i Moduli Finance (FI) e Controlling (CO). Il secondo è strettamente legato al primo, in
quanto quello che avviene nella parte più strettamente economica della contabilità generale ha un’influenza anche su quella analitica. Ad esempio, si rileva un costo in sede di registrazione contabile e poi bisognerà vedere come esso viene imputato ad un determinato oggetto (denominato centro di costo). L’obiettivo del controllo di gestione è proprio quello di comprendere appieno come i costi ed i ricavi dell’esercizio hanno un impatto sulla gestione stessa, andando oltre le normali rilevazioni delle componenti patrimoniali e reddituali. Perché non è solo importante evidenziare quanto è stato prodotto in un determinato periodo amministrativo in termini di fatturato, di risultato operativo, di utile e di patrimonio netto, ma anche fare un’analisi su quali reparti operativi hanno funzionato meglio e quali no, o anche osservare se i prodotti e/o i servizi di una determinata realtà
produttiva sono stati più venduti in un’area geografica piuttosto che in un’altra. Ed il controllo di gestione risponde proprio a questa esigenza amministrativa. In sede di creazione dei report si osserva in maniera più dettagliata se quanto è stato programmato nel Budget e nel Business Plan è stato poi realmente conseguito oppure no. E sia in caso positivo che in quello negativo, capire e descrivere i possibili motivi che hanno comportato eventuali scostamenti con quanto pianificato e quanto poi conseguito. Quindi, accanto ad una necessità di evidenziare i risultati della contabilità generale per motivi di corretto funzionamento della realtà produttiva ed anche legislativi e fiscali, c’è anche un bisogno di comprendere appieno come raggiungere gli obiettivi gestionali e come dare qualità (non solo numerica) ad essi. Ad esempio, non ha senso spostare un reparto operativo in una determinata area piuttosto che in un’altra solo per la ragione che tale spostamento comporta minori costi per la retribuzione. Ma poi bisognerà domandarsi anche se la manodopera locale è adeguatamente formata (in caso contrario, si potrebbero aggiungere nuovi costi di formazione), se la qualità dei prodotti e dei servizi è la stessa. Proprio per questi motivi è importante dare un senso corretto alla gestione della propria realtà produttiva, andando oltre determinate dinamiche che potrebbero, alla lunga, renderla inefficiente. L’obiettivo principale di una gestione è proprio quello di salvaguardare l’efficacia e l’efficienza aziendale, due componenti imprescindibili che mettono in evidenza, rispettivamente, il rapporto tra quanto è stato programmato e quanto è stato conseguito, ed in quale misura le risorse impiegate hanno generato risultati positivi. Nel presente manuale, saranno trattati, nello specifico, i
seguenti argomenti legati al controllo di gestione e messi in pratica all’interno del gestionale SAP nella sua versione denominata S/4 HANA:

  • la creazione delle voci di costo primarie e secondarie;
  • la creazione dei centri di costo;
  • la rilevazione di alcuni costi operativi e la loro imputazione ai centri di costo;
  • un focus sui pagamenti automatici;
  • la contabilità per centri di costo, come i vari importi di un centro di costo si possono, a loro volta, ribaltare in altri;
  • i report dei vari centri di costo a preventivo ed a consuntivo.

Tel. +39 334 302 5433

SCARICA IL FILE COMPLETO GRATUITAMENTE

  • Bonus Psicologo 2023
    Tempo di lettura: 3 minuti La legge di bilancio 2023, approvata in commissione Bilancio alla Camera, conferma il bonus psicologo 2023 prevedendo un aumento dell’importo concedibile al singolo beneficiario. Si passa infatti da 600 euro ad euro 1500 per singolo beneficiario. In questo breve articolo sono sintetizzate le principali informazioni in merito al bonus psicologo 2023. Qualora dovessi avere necessità […]
  • Prestazioni sanitarie: obbligo fatturazione elettronica dal 2023
    Tempo di lettura: 2 minuti Dal 1° gennaio 2023 scatta anche per le prestazioni sanitarie l’obbligo della fatturazione elettronica. Tutti gli operatori economici, residenti o stabiliti in Italia, hanno l’obbligo di emettere la fatturazione elettronica. Il legislatore ha previsto alcune categorie di soggetti esonerati da tale obbligo, categorie che nel corso del tempo si stanno sempre più restringendo. Nel 2022 continuano […]
  • Come fare noleggio occasionale imbarcazioni
    Tempo di lettura: 3 minuti Sei proprietario o possessore di un’imbarcazione o nave da diporto e hai intenzione di generare dei profitti extra che ti consentiranno di alleggerire i costi per il mantenimento della tua imbarcazione? Stai pensando all’attività di noleggio occasionale e vuoi scoprire come fare per essere perfettamente a norma e non incombere in problemi o sanzioni? Nelle […]
  • Contributo Fondo Perduto Ristoranti 2022
    Tempo di lettura: < 1 minuti 22 novembre 2022 via libera alla presentazione delle domande per ottenere il Nuovo Contributo a Fondo Perduto Ristoranti 2022; si tratta di una misura volta a sostenere i titolari di ristoranti, bar, piscine e catering, che hanno registrato una riduzione dei ricavi nell’anno 2021 di almeno il 40% rispetto a ai ricavi dichiarati nell’anno 2019. […]
Open chat
Hai bisogno di aiuto immediato?
Salve,
se ha bisogno di aiuto immediato ci contatti pure.