RIVALUTAZIONE BENI STRUMENTALI
Tempo di lettura: 2 minuti

Con il Bilancio 2020 sarà possibile la rivalutazione beni strumentali. Ciò è quanto previsto dalla legge 106/2020 del 13 ottobre 2020 di conversione del Decreto 104/2020.

Ai sensi dell’articolo 110 della legge 106/2020, i soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b) del TUIR, che non adottano i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio, possono rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni immobilizzate di controllo e collegamento, risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31/12/2019, ovvero il bilancio 2020.

Chi può effettuare la rivalutazione beni strumentali?

La norma chiarisce che la rivalutazione può essere effettuata dai soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b) del TUIR,ossia:

  • società per azioni, società in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata, società cooperative e società di mutua assicurazione residenti in Italia;
  • enti pubblici e privati diversi dalle società, nonchè i trust, residenti nel territorio dello Stato, che svolgono attività commerciali;
  • imprese individuali, società in nome collettivo, società in accomandita semplice ed equiparate (anche se in contabilità semplificata);
  • società, enti e persone fisiche non residenti, che esercitano attività commerciali in Italia, mediante stabili organizzazioni;

che non adottino i principi contabili internazionali. 

Quali beni possono essere rivalutati?

La rivalutazione riguarda tutti i beni strumentali materiali ed immateriali. Sono esclusi gli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa, e le partecipazioni in società controllate e collegate risultanti dal bilancio relativo all’esercizio in corso al 31/12/2019.

Quando dovrà essere effettuata la rivalutazione beni strumentali?

La rivalutazione dovrà essere eseguita nel primo Bilancio successivo a quello dell’esercizio in corso al 31/12/2019. Inoltre, essa dovrà essere annotata nel relativo inventario e nella nota integrativa.

Quale imposta bisognerà versare sul saldo attivo della rivalutazione?

Il saldo attivo della rivalutazione può essere affrancato, in tutto o in parte, con l’applicazione in capo alla società di una imposta sostitutiva nella misura del 10 %.

Il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere riconosciuto, ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta sulle attività produttive, a decorrere dall’esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita mediante il versamento di una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP nella misura del 3%.

Le imposte sostitutive di cui innanzi sono versate in un massimo di tre rate di pari importo.


SCOPRI DI PIU’ SUL NOSTRO STUDIO


SE RITIENI UTILI I NOSTRI ARTICOLI TI INVITIAMO A CONDIVIDERLI SUI TUOI SOCIAL


Tags

3 Responses

  1. I do not know whether it’s just me or if everyone else experiencing issues with
    your website. It seems like some of the written text
    on your posts are running off the screen. Can someone else please
    provide feedback and let me know if this is happening to
    them as well? This may be a issue with my internet browser because I’ve had this happen before.
    Thank you asmr 0mniartist

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commercialisti esperti di banche
COMPILA IL FORM PER RICHIEDERE INFORMAZIONI:

    Accetto il trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

    IL NOSTRO MARKETING E WEB MARKETING E’ CURATO DA:
    Resta Aggiornato: SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL!
    Open chat
    Hai bisogno di aiuto immediato?
    Salve,
    se ha bisogno di aiuto immediato ci contatti pure.