RIVALUTAZIONE BENI STRUMENTALI

Con il Bilancio 2020 sarà possibile la rivalutazione beni strumentali. Ciò è quanto previsto dalla legge 106/2020 del 13 ottobre 2020 di conversione del Decreto 104/2020.

Ai sensi dell’articolo 110 della legge 106/2020, i soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b) del TUIR, che non adottano i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio, possono rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni immobilizzate di controllo e collegamento, risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31/12/2019, ovvero il bilancio 2020.

Chi può effettuare la rivalutazione beni strumentali?

La norma chiarisce che la rivalutazione può essere effettuata dai soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b) del TUIR,ossia:

  • società per azioni, società in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata, società cooperative e società di mutua assicurazione residenti in Italia;
  • enti pubblici e privati diversi dalle società, nonchè i trust, residenti nel territorio dello Stato, che svolgono attività commerciali;
  • imprese individuali, società in nome collettivo, società in accomandita semplice ed equiparate (anche se in contabilità semplificata);
  • società, enti e persone fisiche non residenti, che esercitano attività commerciali in Italia, mediante stabili organizzazioni;

che non adottino i principi contabili internazionali. 

Quali beni possono essere rivalutati?

La rivalutazione riguarda tutti i beni strumentali materiali ed immateriali. Sono esclusi gli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa, e le partecipazioni in società controllate e collegate risultanti dal bilancio relativo all’esercizio in corso al 31/12/2019.

Quando dovrà essere effettuata la rivalutazione beni strumentali?

La rivalutazione dovrà essere eseguita nel primo Bilancio successivo a quello dell’esercizio in corso al 31/12/2019. Inoltre, essa dovrà essere annotata nel relativo inventario e nella nota integrativa.

Quale imposta bisognerà versare sul saldo attivo della rivalutazione?

Il saldo attivo della rivalutazione può essere affrancato, in tutto o in parte, con l’applicazione in capo alla società di una imposta sostitutiva nella misura del 10 %.

Il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere riconosciuto, ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta sulle attività produttive, a decorrere dall’esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita mediante il versamento di una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP nella misura del 3%.

Le imposte sostitutive di cui innanzi sono versate in un massimo di tre rate di pari importo.


SCOPRI DI PIU’ SUL NOSTRO STUDIO


SE RITIENI UTILI I NOSTRI ARTICOLI TI INVITIAMO A CONDIVIDERLI SUI TUOI SOCIAL

Tags

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commercialisti esperti di banche
COMPILA IL FORM PER RICHIEDERE INFORMAZIONI:

    Accetto il trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

    IL NOSTRO MARKETING E WEB MARKETING E’ CURATO DA:
    Resta Aggiornato: SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL!
    Open chat
    Hai bisogno di aiuto immediato?
    Salve,
    se ha bisogno di aiuto immediato ci contatti pure.