Nuovi sostegni alle imprese femminili
Tempo di lettura: 2 minuti

Nuovi sostegni alle imprese femminili. Davvero interessante è il nuovo bando a sostegno delle imprese volto a favorirne la crescita e la creazione di imprese femminili che presentino dei progetti innovativi e creativi.

Il contributo in questione è a fondo perduto (da non restituire) e sarà pari all’85% delle spese sostenute.

Che tipologia di progetto è possibile presentare al fine di richiedere il contributo a fondo perduto?

Conviene presentare un progetto che presenti almeno una delle seguenti caratteristiche di innovazione:

  • Innovazione di Marketing
  • Eco Innovazione
  • Innovazione di Processo/Prodotto/Servizio
  • Innovazione Organizzativa
  • Safety-innovazione

Chi sono i soggetti beneficiari?

Piccole imprese femminili non costituite al momento della presentazione della domanda. Quindi chi è già titolare o socio di altra impresa può creare una nuova attività o partecipare alla creazione della stessa purché non abbia in precedenza usufruito di altri finanziamenti pubblici finalizzati alla realizzazione, anche parziale, delle stesse spese previste nel progetto.

Quindi, per chi ha già una attività, andrebbe creata una nuova attività (attivato un nuovo codice ateco) che rientri tra quelli previsti dal bando e tale attività deve essere prevalente.

Quali sono le spese ammissibili?

  • spese per acquisto suolo (funzionale alla realizzazione di un’opera muraria per l’esercizio dell’attività) fino al 10%;
  • spese per opere murarie fino al limite del 30%;
  • consulenze legate al progetto fino al 2%;
  • beni strumentali (senza limiti %);
  • impianti, macchinari, attrezzature e investimenti immateriali quali licenze knowhow e altre forme di proprietà intellettuali;
  • imposta di registro;
  • spese per consulenze legali, contabili parcelle tecniche e notarili
  • spese relative all’apertura del conto bancario relativamente all’operazione;
  • spese per le garanzie bancarie, istituti di credito, finanziari e assicurazioni;
  • costi per il personale dipendente, inclusi soci lavoratori nel limite del 20%.

E’ importante sapere che l’apertura del nuovo codice ateco può avvenire solo dopo la concessione del contributo.

Importo minimo investimento: € 100.000,00

Importo massimo richiedibile: € 400.000,00


IL NOSTRO STUDIO DI COMMERCIALISTI E AVVOCATI TI GUIDERA’ PER L’OTTENIMENTO DEL CONTRIBUTO. ECCO COSA POSSIAMO FARE PER TE:

  • STUDIO DI FATTIBILITA’: volto a comprendere se sussistono i requisiti per la partecipazione al bando
  • SVILUPPO DEL PROGETTO AZIENDALE: business plan e documentazione finalizzata alla presentazione della domanda
  • ASSISTENZA E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE

SE DESIDERI RIMANERE AGGIORNATO GRATUITAMENTE SULLE OPPORTUNITA’ PER LA TUA ATTIVITA’ COMPILA IL FORM IN BASSO.

TI TERREMO AGGIORNATO

    Accetto il trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy


    Tags

    12 Responses

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    commercialisti esperti di banche
    COMPILA IL FORM PER RICHIEDERE INFORMAZIONI:

      Accetto il trattamento dei dati personali secondo la Privacy Policy

      IL NOSTRO MARKETING E WEB MARKETING E’ CURATO DA:
      Resta Aggiornato: SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL!
      Open chat
      Hai bisogno di aiuto immediato?
      Salve,
      se ha bisogno di aiuto immediato ci contatti pure.