Come si modifica lo statuto di una associazione?

Come si modifica lo statuto di una associazione?

Quali sono i passi da seguire per modificare lo statuto di una associazione? Quali sono gli adempimenti da espletare? 

Come si modifica lo statuto di una associazione: è questa la domanda a cui viene data risposta in questo articolo.

Perchè modificare lo statuto di una associazione?

Diversi possono essere i motivi sottesi alla modifica dello statuto di una associazione (sia essa culturale, sportiva dilettantistica, di volontariato). L’ente, infatti, potrebbe decidere di promuovere attività diverse da quelle indicate nell’oggetto sociale, oppure potrebbe decidere di modificare le regole alla base della vita associativa.

A ciò si aggiunga che con la Riforma del Terzo Settore gli enti potranno trovarsi nella condizione di dover scegliere se diventare o meno  ETS, aggiornando di conseguenza il loro statuto.

Come modificare lo statuto di una associazione?

I passi da seguire per modificare lo statuto di una associazione sono i seguenti:

1) convocare l’assemblea straordinaria;

2) verificare le maggioranze necessarie previste dallo statuto per la validità dell’assemblea straordinaria, generalmente il 50%+1 oppure i 3/4 dei soci aventi diritto di voto);

3) redigere un verbale di assemblea straordinaria al quale allegare il nuovo statuto (è buona norma allegare lo statuto per intero con le modifiche approvate), da far firmare in duplice copia al presidente e al segretario;

4) recarsi all’ufficio locale delle entrate con i seguenti documenti :

– due copie del verbale dell’assemblea straordinaria e del nuovo statuto firmate;

– marche da bollo (una marca da 16, 00 euro ogni 4 facciate e/o 100 righe;

– modello 69 compilato;

– ricevuta del versamento delle imposte da effettuarsi in banca o in posta con modello F23.

 

 

per informazioni su come registrare un atto – agenzia delle entrate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *