Le Associazioni di Promozione Sociale - APS

Le Associazioni di Promozione Sociale (c.d. APS) sono una speciale tipologia di associazioni nate allo scopo di svolgere, nei più svariati settori della società, attività di "aggregazione sociale". La disciplina delle associazioni di promozione sociale è stata introdotta dalla legge n. 383 del 7 dicembre 2000 (che definisce i principi per la individuazione e valorizzazione del particolare tipo di associazione). Tuttavia, con la recente Riforma del Terzo Settore  la disciplina delle associazioni di promozione sociale è stata completamente rivista.

Le Associazioni di Promozione Sociale nel Codice del Terzo Settore

Il Codice del Terzo Settore (D.Lgs. 117 del 3 luglio 2017) delinea in maniera netta la tipologia di enti (art. 35 c.t.s.),  le attività esercitabili (art. 5 C.T.S.) ,  le risorse (art. 35 C.T.S),  il regime fiscale (art. 85) ed il regime forfettario di determinazione del reddito (art. 86 C.T.S.).

Le Associazioni di Promozione Sociale

svolgono una o più delle attività di interesse generale indicate all'art. 5 del C.T.S.,

sia nei confronti dei terzi, sia nei confronti dei propri associati e dei loro familiari,

avvalendosi prevalentemente dell'attività di volontariato dei propri associati.

In queste poche righe è ben chiara l'attività svolta dalle Associazioni di Promozione sociale (attività di interesse generale), i destinatari di tali attività (gli associati ed i loro familiari, i terzi - si nota al riguardo la differenza rispetto alle Organizzazioni di Volontariato che svolgono attività di interesse generale prevalentemente in favore di terzi), le risorse utilizzate per l'espletamento di tali attività (prevalentemente l'attività di volontariato dei propri associati).

FORMA GIURIDICA: Le associazioni di promozione sociale possono costituirsi sotto forma di associazione riconosciuta o non riconosciuta. Non sono associazioni di promozione sociale i circoli privati e le associazioni comunque denominate che dispongono limitazioni con riferimento alle condizioni economiche e discriminazioni di qualsiasi natura in relazione all'ammissione degli associati. 

NUMERO MINIMO ASSOCIATI : E' richiesto un numero minimo di associati pari a 7 persone fisiche o a 3 APS. L'atto costitutivo può prevedere l'ammissione come associati di altri Enti del terzo settore o senza scopo di lucro, purchè il loro numero non sia superiore al 50% del numero delle APS. 

DENOMINAZIONE SOCIALE: L'atto costitutivo e lo statuto delle associazioni di promozione sociale devono necessariamente avere la forma scritta. La denominazione sociale deve contenere l'espressione "associazione di promozione sociale" o l'acronimo APS. Tale indicazione, tuttavia, non può essere usata da soggetti diversi dalle associazioni di promozione sociale. 

RISORSE: Per il perseguimento dei fini istituzionali le associazioni di promozione sociale si avvalgono prevalentemente delle attività prestate in forma volontaria, libera e gratuita dei propri associati, ai quali possono essere unicamente rimborsate le spese effettivamente sostenute, entro limiti stabiliti. Tuttavia, qualora sia necessario ai fini dello svolgimento dell'attività di interesse generale e del perseguimento delle finalità, le Associazioni di Promozione Sociale possono assumere lavoratori dipendenti, avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo o di altra natura, anche dei propri associati. In ogni caso il numero dei lavoratori impiegati nell'attività non può essere superiore al 50% del numero dei volontari o al 5% del numero degli associati.